NOVILUNIO IN SCORPIONE, 15 novembre 2020: LA LUCE IN FONDO AL TUNNEL

NOVILUNIO IN SCORPIONE, 15 novembre 2020: LA LUCE IN FONDO AL TUNNEL

Immagine di Herphany

Avremo la Luna Nuova nella mattina del 15 novembre 2020 alle 6.08 nel segno dello Scorpione a 23°.

Interessante che da un po’ di tempo a questa parte .. vicino a ogni ciclo di Luna arrivi un nuovo decreto o si stia aspettando nuove normative. Scusate la parentesi non troppo astrologica, ma siamo in un week end di date calde e non casualmente la nostra amata luna apre un altro giro di giostra.

Novilunio in Scorpione che arriverà al suo apice di Luna Piena il 30 novembre nel segno dei Gemelli e giungerà alla fine nella sua fase calante il 13 dicembre. La Luna Nuova in Sagittario del 14 dicembre 2020 con Eclissi di Sole inaugura quello che si spera sarà il nuovo orizzonte di cambiamento energetico per i prossimi mesi a venire, e anticipa di qualche giorno il cambio di guardia di Saturno e Giove – da Capricorno a Acquario.

Ma ora a che punto siamo?

Questa Lunazione parla molto chiaramente del nostro essere stremati e stanchi, giunti finalmente all’ultimo passaggio di congiunzione dello Stellium in Capricorno negli stessi gradi di gennaio 2020 – Plutone a 22° – e la conclusione del suo passaggio di congiunzione a Giove ora a 23°. il 18 dicembre Saturno, e il 20 dicembre Giove, entreranno nel segno dell’Acquario, componendo un nuovo cielo (Saturno starà in Acquario per i prossimi due anni e mezzo e Giove un anno). Un cielo sempre difficile e conflittuale, ma decisamene in movimento verso il rinnovamento e nuovi ideali di riforma. Marte in Ariete ha ripreso il suo moto diretto il 14 novembre 2020, e questo è senz’altro il primo movimento verso l’uscita da una situazione stagnante e regressiva, anche se la sua posizione di opposizione a Venere in Bilancia, alimenta ancora conflittualità evidenti. Venere e Marte nel loro Domicilio Primario (Ariete e Bilancia), pongono l’accento sulla difficoltà di risanare e trovare una conciliazione di parti, se non altro adesso, è poco probabile arrivare alla “pace collettiva”. Il paesaggio che stiamo attraversando è ancora quello della distruzione prima della trasmutazione, della palude prima della bonifica, della nebbia prima della luce, passaggio Scorpionico per eccellenza, necessario per ripartire da capo, ripuliti, spogliati, nudi…… inermi…. si intravede al di sotto dell’apparenza, la voglia e la grinta per ricominciare con nuovi valori di riferimento, appena la “guerra” di opinioni e di urgenza sanitaria, inizierà a mostrare i primi segni di miglioramento.  Si spera dalla prossima Lunazione di dicembre.

Nonostante gli aspetti astrologici in questo Novilunio non siano dei migliori (sono scritti nel dettaglio alla fine dell’articolo), questo è un grande ponte di passaggio necessario e inevitabile. E’ vero la bellezza ci viene ancora sottratta (Venere), la forza ci viene a mancare e l’azione/volontà è ancora bloccata (Marte), ma è solo in questo modo che forse saremo costretti ad attingere a tutte le nostre risorse di autonomia, forza e resistenza nascoste (Saturno), e contattare la fede/fiducia nell’Oltre (Giove) venendo a patti con la nostra vera natura profonda (Plutone). E’ proprio vero che nel momento del pericolo si attivano una serie di risposte e reazioni dentro di  noi che possono oscillare tra “cielo all’inferno”. Potranno venire fuori tutti i nostri lati luminosi come generosità, altruismo, intuizione, coraggio e fiducia, come invece all’opposto emergere le ombre che più rinneghiamo e temiamo come paura, codardia, inganno, egoismo e tradimento dei nostri più autentici valori per sopravvivenza. E’ in questo crinale di passaggio che si gioca il nostro personale “patto con il diavolo”, inconscio, ombra, lato pulsionale dentro di noi, e coscienza illuminata. Verremo a patti tra luce e ombra, coscienza e inconscio, azione e reazione, in questa fatica immane tra istinto animale e Anima di uomo, fuori dal tempo e dal corpo, ed è in questa meravigliosa integrazione delle parti la nostra suprema bellezza.

Dove vediamo concretamente il nostro inizio di cambiamento? Nei rapporti relazionali che non rispecchiano più la nostra immagine, mutata non entra più nella forma dello specchio che l’altro ci rimanda. Mai come ora, amicizie stanno saltando totalmente a causa di puntigli, incomprensioni, ferite e posizioni “politiche” diverse. Questo confronto/scontro, se osservato con un altro sguardo, ci mostra quanto fragile sia il nostro Ego/Identità se ancora ha bisogno di attaccarsi a un’idea e un’opinione avvalorata dall’altro nell’avere ragione o torto. Plasmarci, contrapporci e differenziarci nei rapporti interpersonali ci definisce e forma l’identità quando siamo piccini, ma da grandi dovremmo avere un’Io più saldo che non ci faccia sentire ogni volta minacciati e offesi se contrastati nelle nostre opinioni e certezze.

In una specie di Torre di Babele a livello mondiale, le lingue e le consapevolezze diverse anche in tempi cosiddetti “normali”, nello stato di necessità, acutizzano l’incomprensione e la ferita del nostro non sentirci capiti e accolti, che però risale a un altro tempo: quello del passato infantile e non dell’identità di adulti che dovrebbe essere connotata da consapevolezza, maggior distacco e libertà di essere più aderenti a noi stessi e non al tradire la nostra natura per paura (Mercurio in Scorpione opposto a Urano). Allo stesso tempo molti rapporti interpersonali stanno costruendosi e ricostituendosi su nuove basi e in maniera duratura, rinsaldati nell’autenticità e nella profondità dell’essersi mostrati all’altro – sapendo entrare nella vera intimità e vulnerabilità nei momenti più duri.

L’aspetto conflittuale di Venere e Marte in opposizione, mostra il dilemma umano per eccellenza nel cercare un equilibrio sano tra vicinanza e lontananza, unione e separazione, affermazione e mediazione – e lo stato delle nostre relazioni affettive, mostra quanto siamo in grado di sostenere la vicinanza e l’intimità senza sentirci minacciati e invasi, o abbandonati e soli se è troppo lo stato di separazione. Mi viene da dire che quello che è il modello energetico di questo lungo anno che sta per giungere al termine, sia stata la sostanza della purezza e dell’essenzialità a discapito dell’effimero, la capacità di sostenere la frustrazione della solitudine e il superamento di alcuni modelli di attaccamento e bisogno, il riconoscimento del fondamentale a discapito del superficiale e dei fili relazionali già lisi, che si sono tirati e infine spezzati. 

Il segno dello Scorpione e Plutone hanno in sé da risolvere il tema dell’ossessività e questa lunga permanenza di Mercurio nello Scorpione (28 settembre – 2 dicembre 2020 con breve retrogradazione nella Bilancia), e Plutone nella sua ultima congiunzione a Giove, ci sta “piegando” a confrontarci, ognuno di noi, con il suo grado di ossessività e paranoia personale da vedere e risanare per andare nelle cause prime che la generano. Iniziamo a vedere intanto il significato della parola ossessione: dal latino: obsessio – assedio.

“L’ossessione, secondo la scienza psicologica, è un pensiero invasivo che si presenta nonostante i tentativi della persona di controllarlo; è un pensiero, un’idea, un impulso che il soggetto riconosce come qualcosa di non suo, sgradevole e accompagnato da ansia. Abbiamo magari in mente le immagini di qualcuno ossessionato dai germi o da una malattia. Nella lingua comune forse si perde questa cifra di estraneità, sostituita dal connotato di un giudizio severo: un uomo ossessionato dal tradimento della compagna pare qualcosa da censurare, più che da comprendere, come una gelosia che fa parte del carattere di una persona e di cui è ben responsabile.

Estensivamente l’ossessione diventa una preoccupazione persistente, un incubo che tormenta l’ossessionato e chi gli sta intorno – ma ricordiamo che si tratta di una parola pesantissima: dopotutto l’ossessione è uno stato d’assedio, stretto implacabilmente intorno a chi ne soffre e in cui resta coinvolto chi gli è vicino. L’ossessione per l’ordine è più dell’essere molto ordinati, quella per la puntualità è più del pretendere da tutti (in primis da sé) di essere puntuali, l’ossessione per avere l’ultimo iPhone è ben più del desiderarlo parecchio.”(https://unaparolaalgiorno.it/significato/ossessione).

L’ossessione è uno stato d’assedio.

Trovo come questa definizione ne calzi su qualsiasi livello percettivo. Senza entrare in merito nelle dure e dolorose (moltissime) storie personali di alcuni, e le più facili storie di altri, lo stato di ossessione a livello collettivo in cui ci troviamo, se non altro mediatico e delle fasce di popolazione più fragili, è fuori discussione. Tutte le persone che ora soffrono di altre urgenze sanitarie e patologie gravi che non siano il Covid, stanno passando il loro unico e silenzioso inferno personale, tutte le persone che stanno cercando di uscire da tunnel di dipendenza, solitudine, emarginazione, stanno attraversando un altro tipo di doloroso inferno. Questa è una grande prova iniziatica su più livelli e a ognuno di noi è toccato il grado personale di difficoltà che può reggere, e ci sta portando verso una rinascita su un altro piano evolutivo di qualche tipo – per alcuni – una sconfitta e una resa che non riesce a essere riscattata per altri, uno stato di impotenza che vaga ancora nel buio per molti altri ancora. Le Iniziazioni erano delle prove di passaggio segnavano il passaggio dall’adolescenza all’età adulta in molte culture arcaiche . Nelle fiabe è molto presente questo modello, lo si può ritrovare, per esempio, in Pinocchio e Cappuccetto Rosso. Qui infatti ci sono tutte le caratteristiche del viaggio iniziatico: un bosco, delle figure ostacolanti, delle figure adiuvanti e la capacità di saper distinguere il buono dal cattivo. Questa capacità è tipica dell’adulto. L’immaturo deve quindi uscire dal recinto paterno per attraversare un percorso che richiederà molto coraggio e forza di volontà, e che sarà sempre assistito dalle divinità. In certi casi sono proprio i genitori ad impedire ai propri figli il viaggio di iniziazione, tipico della madre è l’abbraccio mortale al figlio dove lei stessa non si propone più come mezzo ma come fine. Tipico del padre è invece l’incorporare a sé i figli per impedire una rivalità dal quale potrebbe venir schiacciato. In altri casi invece sarà proprio la figura della matrigna o del patrigno ad imporre all’immaturo la prova, lasciandoli in mezzo alla strada. Obbiettivo del viaggio sarà la conquista della sposa o di un regno. Si incontreranno delle prove da superare, come per esempio il mostro che il più delle volte tiene imprigionata la sposa.

Non a caso questo tema richiama più cose che a livello collettivo stiamo attraversando: il superamento del ruolo del padre (Saturno e Plutone), l’incorporare delle regole che ora ci sono imposte ancora da fuori in cui ci sentiamo ancora i figli ribelli e i figli arrabbiati. Uscire dalla tela materna, in tutti quegli stati in cui sentiamo che ci è dovuta ancora cura, attenzione, nutrimento e sostegno, quando in prima persona ora dovremo forse pensare che lo stato in cui a livello collettivo ci troviamo, rispecchia la modalità immatura che era presente ancor prima dell’emergenza Covid ma non la volevamo vedere. L’umanità già non era, e non è ancora in grado di avere una visione allargata di abbondanza e altruismo dei popoli. Il disagio sociale e la povertà era qualcosa di presente e urgente, ma rimosso nella società dei consumi occidentale.

Ma la chiave di volta iniziatica è proprio questa: ” la figura della matrigna o del patrigno ad imporre all’immaturo la prova, lasciandoli in mezzo alla strada.” Noi ora in balia di “genitori/patrigni/capi/governatori” che ci deludono, siamo costretti, in mezzo alla strada, al freddo e al gelo, come nelle migliori storie di sempre, a ripartire da noi stessi. A cercare la chiave di volta che ancora non sappiamo trovare. A crescere e a passare dallo stadio del bisogno infantile a quello dell’adulto responsabile di se stesso come Saturno – a suon di lezioni dure – sta provando a insegnarci. Nessuno di noi sa adesso cosa e come sarà il nostro futuro che riparte dalla distruzione di questo presente, anche se credo che la ripartenza sia vicina, come i pianeti i cambiamento lasciano intravedere nel calderone che si muoverà da dicembre. Una ripresa lenta, come ancora mostrano le ultime cicatrici planetarie, ma inesorabilmente presente; alcune basi differenti molti di noi le stanno ponendo, e un bel pezzo di umanità sta radicalmente cambiando prospettiva, valori e contenuti del suo vivere. Io vedo la luce in fondo al tunnel.. e voi?

Buon Novilunio a tutti voi,

Anna Elisa Albanese

TEMA NATALE del Novilunio in SCORPIONE, 15 novembre 2020, alle ore 06.08

Sole e Luna in Scorpione in sestile a Plutone, Giove e Saturno in Capricorno e trigono a Nettuno.

Plutone, Giove e Saturno in Capricorno in quadratura a Venere in Bilancia e Marte in Ariete.

Venere in Bilancia opposto a Marte in Ariete. Forte opposizione sottolineata nell’intensità nel loro Domicilio Primario.

Mercurio in Scorpione dominante sull’Asse dell’Ascendente opposto a Urano in Toro.

I due Luminari sono in aspetto armonico sia a Nettuno sia a Saturno e Plutone, aprendo la via alla strada della guarigione. Plutone ancora dissonante nella sua congiunzione a Giove e aspetto a Venere, sta ancora “pulendo” e amplificando la parte negativa della privazione e della fatica. C’è una grossa revisione di ideali, sfiducia e lutto di ciò che non siamo riusciti a compiere in questa seconda parte dell’anno che ci lascia ancora in qualche modo “sconfitti”. Ma questo inevitabile passaggio di accettazione, sarà necessario per ripartire con una nuova maturità che si fonda sulla comprensione degli errori, per non essere ripetuti. Vi è anche l’ombra di Plutone intesa come ultima tentazione “del diavolo” nel Potere rappresentato dall’economia, ancora incastrato negli oscuri meccanismi sottostanti alla cura – vita, morte, vaccino, sanità, soldi e gestione delle risorse vitali – tutti simboli Plutoniani per eccellenza.

Anna Elisa


logo-facebook--blog-alhi-18

Segui la Pagina Facebook: CLICCA QUI Sentiero Astrologico  

Consulti personalizzati sul tuo Tema Natale : CLICCA QUI Consulti individuali 


1Comment

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.