SOLSTIZIO D’INVERNO: IL TEMPO DELL’ADESSO

SOLSTIZIO D’INVERNO: IL TEMPO DELL’ADESSO

 

Quest’anno il Solstizio d’Inverno cade nell’alba del 22 dicembre 2019 alle ore 5.19 italiane. 

Nella notte più buia dell’anno il Sole è nella sua morte e nella sua alba nascente. Questo giorno sancisce l’inizio dell’inverno, il sole si riprepara a compiere il cammino verso la luce  che ci porterà verso l’Equinozio di Primavera del 21 marzo. E’ molto bello il dualismo che si viene a creare nei due Solstizi – inizio inverno e inizio estate – perché nel momento più buio dell’anno e di minori ore di luce solare nel Solstizio invernale, stiamo cominciando ad andare verso la  luce e ce ne accorgiamo già a metà fine gennaio di come, anche impercettibilmente, le giornate saranno più lunghe. D’estate nel Solstizio estivo, il momento in cui le giornate sono le più luminose fino a tarda sera, il Sole inizia nel suo percorso di sottrazione di istanti di luce, e a fine agosto le giornate non sono più come quelle di giugno. Questo dualismo di luce e ombra è magico e perfetto e racconta molto bene ciò che ci si chiede di attivare ogni volta, quando siamo troppo sbilanciati nel polo opposto.

Adesso al sorgere dell’inverno nella notte più buia dell’anno, il Sole festeggia la sua rinascita. Siamo chiamati a festeggiare il suo ritorno e a contattare quella parte dentro noi stessi che chiede Vita. Laddove l’abbiamo smarrita o crediamo di averla perduta.

Dal punto di vista astrologico in questo giorno quest’anno il Sole si trova al 29° del Sagittario ed entrerà in Capricorno pochi istanti dopo, alle 5.21 italiane del 22 dicembre.  

Si dice che il grado 29 sia un grado karmico, nel senso che manca pochissimo ad essere nel segno successivo, un solo grado ( i gradi sono 30° per ogni segno zodiacale). Quell’ultimo grado forse da attraversare per arrivare al compimento dell’esperienza rappresentata dall’Archetipo del segno. Mi piace dunque che nel momento del Solstizio invernale – che a livello simbolico coincide con il saper addentrarsi nel nostro ritiro interiore, il punto considerato “più basso” come luce ed espansione all’esterno, il punto cruciale dell’inizio dell’inverno e della conservazione dell’energia del calore dentro di noi, e non fuori di noi – il Sole sia all’ultimo grado del Sagittario, il cui governatore è Giove simbolo della fiducia e della pienezza che infatti festeggia il compleanno del Sole che rinasce. 

Un Giove immerso nella materia concreta del Capricorno (in cui abbiamo già Plutone e Saturno), a breve entrerà anche il Sole, la Luna Nuova con Eclissi Solare il 26 dicembre e a seguire a fine dicembre, l’ingresso di Mercurio.

Una presenza massiccia nell’Elemento Terra.

Nel cielo di Solstizio all’orario esatto italiano, Giove in Capricorno a 4.24° forme un bel Trigono con Urano in Toro a 2.49 in Toro ed è in sestile alla Luna in Scorpione a 9:° Abbiamo quindi l’occasione per trovare il nostro baricentro a terra, placare le nostre paure “del buio” più profonde passando dall’accettazione del punto in cui siamo ora, per poi riformulare propositi di luce per il nostro futuro. C’è tanto bisogno di ricontattarci, sentirci, nella piena presenza qui senza attuare fughe nel desiderio di vite passate o future. E’ richiesta una calibratura di quello che stiamo creando nel nostro presente, con le nostre mani, la nostra fatica e il corpo fisico che ci accompagna ogni giorno.

Madre natura adesso potrebbe essere la nostra più grande risorsa, in un momento collettivo di lontananza dalla sacralità e dai riti, uno scollamento da noi stessi e da quello che, soprattutto il mondo occidentale civilizzato, ci rimanda continuamente – stimoli commerciali, inseguimenti all’ultimo regalo di Natale, consumismo e affanno fino all’ultima offerta on – line dei vari Black friday stagionali. Ricalibriamoci osservano la brina, le neve, la pioggia, un albero, una persona anziana che cammina lentamente, un promontorio, una montagna, un bambino che ride, i nostri passi sul suolo, uno davanti all’altro.

Osseriviamo e respiriamo in questa densità. Non più di questo adesso.

L’Ascendente (ora locale Milano) nel momento esatto del Solstizio, cade in Scorpione e Luna e Marte sono nel segno dello Scorpione ad indicarci il mondo sommerso delle emozioni che ci accompagna in questo delicato passaggio e offre intuizioni e possibilità di tagliare con ciò che in questi ultimi mesi e soprattutto in tutto questo ultimo anno, ci ha inquinato psichicamente: pensieri, ossessioni, paure che hanno condizionato i nostri comportamenti e persone che ci evocano sentimenti dolorosi. Marte infatti ci offre degli ottimi aspetti con Plutone e Saturno sempre più vicini nel segno del Capricorno,Nettuno nei Pesci che da poco ha ripreso il suo moto diretto: la nostra volontà adesso può concedersi dei No, può imparare a barattare meno se stessa nelle relazioni, e può anche sintonizzarsi al centro, comprendendo un sano bisogno di spazio vitale individuale.

La Luna in Scorpione inoltre compie un’opposizione con Urano in Toro, ponendoci di fronte all’esigenza di fare gli ultimi tagli necessari, (a volte anche solo emotivi e non agiti), di potatura con tutto quello che non ci permette di iniziare una nuova vita libera da colpe, retaggi karmici e condizionamenti del passato.

Questo Solstizio chiude  tutto  il nostro anno, dunque prepariamoci a far si che sia il nostro piccolo rito di passaggio per scrollare le spalle dai pesi, carichi non nostri e fatiche, e prepararci a riemergere per coltivare i semi del nuovo anno, che chiedono nuove sintesi, priorità, essenzialità e saggezza, come mostrano tutti i pianeti in Capricorno.

Vedo questo Solstizio come la ricerca del nostro Sole interiore, quel centro di vitalità, fiducia, e sguardo verso il futuro che da qualche parte, se pur stanco, affaticato, contrastato dalle intemperie della vita, esiste in ognuno di noi. 

Concediamoci il riposo.

Concediamoci il silenzio. 

Concediamoci di appoggiarci a qualcosa che ci sostenga (soprattutto un centro interiore che non ha paura di rimanere solo), e per farlo impariamo a chiedere, desiderare, e a mostrare le nostre debolezze anche agli altri con limpidezza. 

Presto il Sole ricomincerà il suo percorso nell’Eclittica zodiacale, il percorso che la terra compie intorno al Sole e che noi vediamo quando alziamo gli occhi al cielo e nel punto in cui ogni sera vediamo tramontare la grande palla infuocata del Sole. Per chi ha a disposizione un orizzonte ampio esposto a sud- ovest, potrà vedere ogni sera il punto del tramontare del sole si accorgerà, che ci sarà un’inversione di rotta, e il punto dell’orizzonte lo vedremo iniziare a spostarsi  poco a poco, verso destra, andando sempre più verso l’ovest esatto. Ovviamente siamo noi a spostarci intorno al Sole e non il contrario, raggiungendo poi a marzo nell’Equinozio di primavera, l’equilibrio perfetto tra l’ombra e la luce. 

Nel tempo di Adesso, ci è chiesto di ascoltare la nostra vita attuale, fatta di quello che abbiamo costruito, di quello che ci pare di aver perduto, di quello che vorremmo raggiungere domani, ma lo sforzo ora è quello bloccare la mente, e stare solo nell’Ora. Completamente. Per provare a placare ogni rimpianto e ogni ansia di aver sbagliato qualcosa o perduto qualcosa per colpa nostra.

Non abbiamo sbagliato nulla, abbiamo scelto di essere qui adesso e ogni scelta compiuta nel nostro passato su cui ci struggiamo ancora o ci pentiamo, è stata compiuta al nostro “massimo di comprensione” di allora. Vederla a posteriori non ha senso. Allora non avevamo la prospettiva del dopo, come adesso siamo nel nostro massimo di consapevolezza di Adesso.

In questo raccoglimento nell’intimità di noi stessi senza giudizio, è bene arredare le pareti del nostro cuore, affinché non ci siano spifferi. senza chiuderci troppo al mondo, ma solo permettendo al mondo di rimaner fuori fuoco … un pochino più spostato in là, con le sue illusioni e i suoi richiami e  tutti gli eventi che affollano la nostra testa di pensieri su cose da risolvere, progettare, per evitare il dolore. 

Permettiamoci di metterci un attimo in “Off” e lasciamo che sia….

 

Buon Solstizio a tutti voi,

Anna Elisa Albanese 

 

 

Aspetti Astrologici 

 

Tema del Solstizio calcolato alle ore 5.19 italiane del 22 dicembre 2019, a Milano.

 

 

SEGUI LA PAGINA FACEBOOK SENTIERO ASTROLOGICO   

logo-facebook--blog-alhi-18

CONSULTI PERSONALIZZATI SUL TUO TEMA NATALE CONSULTI INDIVIDUALI 

 

 

 

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.