NOVILUNIO IN BILANCIA, 9 ottobre 2018: LA VERA SCELTA D’AMORE

NOVILUNIO IN BILANCIA, 9 ottobre 2018: LA VERA SCELTA D’AMORE

 

Avremo il fenomeno di Luna Nuova nella notte/alba del 9 ottobre 2018, alle ore 5.47 italiane, nel segno della Bilancia a 15.48°.

Iniziamo una fase lunare governata da Venere (domicilio Bilancia e Toro), che giungerà al suo apice di Luna Piena in Toro del 24 ottobre 2018, pianeta guida femminile, perno attraverso cui poter trovare accesso al vero valore di noi stessi e basamento sui cui appoggiare i nostri desideri – anche e soprattutto quelli inaccessibili, che intessono la trama sotterranea di tutte le nostre scelte affettive e non solo.  

Sole e Luna congiunti in Bilancia sono in aspetto di quadratura a Plutone e trigono a Marte in Acquario, e ci pongono a contatto con l’ombra – i desideri nascosti, le coazioni a ripetere. Un incontro/scontro con le pulsioni meno razionali e cristalline che l’ideale segno d’aria della Bilancia vorrebbe invece raggiungere. Abbiamo tutti una nostra immagine ideale, di cosa dovremmo provare o meno, su chi dovremmo amare e chi invece “ci tocca” amare negli amori dolorosi – le emozioni non mentono – e potremo trovarci faccia a faccia in dinamiche che credevamo superate o di cui pensavamo di avere pieno controllo.

Venere in Scorpione in moto retrogrado dal 6 ottobre fino al 15 novembre 2018, ci ripropone una revisione di valori, relazioni, obbiettivi in questo processo che io chiamerei di conoscenza delle nostre zone di “penombra”, in linea con il calar della luce in questa stagione. Un processo di esplorazione verso l’interno di noi stessi,  nelle nostre acque Plutoniche per arrivare a vedere la verità – almeno un pezzo. Venere in Scorpione è in aspetto di quadratura a Marte in Acquario, e questo è un ulteriore stimolo a tirare fuori conflitti e disarmonie relazionali, oltre a raccogliere un armonico trigono con Nettuno in Pesci che addolcisce e potrà aiutarci nell’elevarci in una dimensione di perdono e comprensione degli eventi che stiamo vivendo su una dimensione più alta.

Come già ho raccontato nell’ultima Luna Piena in Ariete del 25 settembre 2018, l’attenzione alla polarità è il fulcro di questo periodo: il doppio dentro di noi e lo specchio relazionale che ci rivela e porta alla luce le parti scisse che incontriamo nell’altro e viviamo tramite la persona di cui ci innamoriamo e che aneliamo. Cosa ci piace di lui/lei? Cosa detestiamo invece ma la cui forza ci richiama e ci è così famigliare?

Sole e Luna nel segno della Bilancia, raccontano del matrimonio sacro e le nozze alchemiche in noi stessi:  il polo maschile e femminile, luce e ombra, notte e giorno, conscio e inconscio, ragione e sentimento. La polarità fa parte del nostro essere in un corpo fisico e l’innamoramento e l’estasi dell’incontro con un’altra Anima, ci ridona il senso di completezza perduto, uno stato di non separazione in cui ritroviamo le nostre parti scisse o dimenticate. Per questo il segno della Bilancia ha il grande compito di farci evolvere tramite il rispecchiamento con l’altro, che dischiude i segreti dei nostri ricordi ancestrali e dei primi anni di vita. Per capire qualcosa di noi basta osservarci nelle nostre scelte sentimentali. Se dentro avremo parti negate, rifiutate, doloranti che noi stessi rifiutiamo, tutto ciò sarà amplificato con un altro essere, con cui riproporremo lo stesso scenario: il punto esatto in cui siamo dentro verrà riflesso fuori.

Pensate che l’amore sia cieco? Si in grossa parte lo è, nel senso che il cuore ha le sue ragioni che la ragione non conosce, ma è proprio questo il nodo focale da esplorare per poter comprendere appieno non con la mente, ma con tutto noi stessi, la cruciale differenza che c’è tra scegliere chi amare – spesso impossibile – e scegliere con chi essere in relazione – scelta possibile.

Venere nel nostro tema natale, la Casa in cui cade e gli Aspetti con gli altri pianeti che riceve, descrive in maniera incredibilmente precisa, la nostra  modalità affettiva, i nostri gusti, ciò che naturalmente ci attrae e piace e ci fa stare bene, racconta anche cosa ci piace nel partner, quali sono le caratteristiche che fanno risuonare le nostre corde più profonde e le qualità che amiamo mostrare a chi ci piace. Venere racconta inoltre come abbiamo sentito, e rimarco “sentito” – in modo assolutamente soggettivo – di essere stati amati. Ognuno ha gusti differenti in amore, al cuor non si comanda, ma al di sotto di questo cuore, ci sono ragioni ben poco casuali nella scelta d’amore, radicate e nascoste nei meandri della nostra psiche. Incappiamo nelle stesse dinamiche ralazionali conosciute e vissute e l’amore spesso si tramuta in sofferenza, quindi Venere – la scelta – in un meccanismo sofisticatissimo che s’inceppa, sceglie qualcosa che invece di dare felicità e benessere, intossica. Come mai?

Perché un tempo lontano di cui non conserviamo memoria ci siamo in qualche modo traditi, abbiamo accettato un certo tipo di amore – un bambino ama incondizionatamente i suoi genitori – e per noi era fondamentale per noi ricevere lo stesso amore, anche a costo di mostrarci diversi da ciò che sentivamo di essere, di tradirci, di elemosinare vicinanza e affetto. Abbiamo dovuto forse sentirci come dei piccoli “tossici” e ci siamo vergognati, sentimento che abbiamo scordato, insieme a una buona dose di rabbia ingoiata e fragilità. Plutone, governatore dello Scorpione, ha una grossa importanza in questo cielo e ci sta conducendo a riaprire quelle porte dimenticate, per poter uscire da quello stadio e consentirci da grandi di uscire dalla “tossicità”dell’amore e dalle relazioni disfunzionali.

“Scarso amore”, “Troppo amore che crea colpa”, “Avrò amore se mi comporto bene, se mi sacrifico” ecc., ognuno dentro ha degli schemi affettivi da andare a vedere, e che nel viaggio di questa vita, e in più vite potrà sciogliere. Il nostro passato lo dobbiamo onorare, ringraziare e lasciare andare, il nostro presente possiamo iniziare a mutarlo e iniziare a farlo adesso.  (nel mito Ercole si inginocchia di fronte a l’Idra, a tutti quei contenuti brutti di noi stessi che non vogliamo ricordare, solo onorandoli possiamo lasciarli nel passato – se vuoi leggi mito Scorpione)

Non siamo più bambini impotenti, da piccoli non abbiamo potuto scegliere di non amare i nostri genitori, ma da adulti possiamo scegliere con chi vogliamo stare in relazione. Questa è chiave su cui ora posizionare l’intenzione in questo Novilunio in Bilancia in cui Venere si fa signora della relazione, non dell’amore, e c’è una certa differenza tra le due cose, anche se sono strettamente collegate. Venere, nel mito era la dea della bellezza, aveva un sacco intrighi d’amore, triangoli, rivalità con altre donne, attraverso le relazioni lei conosceva il valore di sé stessa. Quindi Venere, come lato ombra, ho proprio questo: non è interessata veramente all’amore, ma a quello che l’amore riflette di lei: il suo valore.

Per questo tramite le nostre relazioni a volte, quando sono incastrate nella sofferenza e non riusciamo a lasciarle andare, c’è tanto di questi sentimenti ancora da purificare – vanità, invidia, rivalità, rispecchiamento di sè stessi nelle relazioni narcisistiche. Scegliamo un amore impossibile o difficilissimo da conquistare, o occupato con un’altra persona, ma perché? Cosa c’è sotto veramente? E’ di questo che s’incarica ora il transito di Venere in Scorpione in moto retrogrado: tirare fuori la verità sul teatro che stiamo mettendo in scena, in cui spesso e volentieri l’amore è molto lontano. Vogliamo davvero lui/lei o è una battaglia contro l’altra donna che stiamo inscenando per testare quanto siamo migliori di lei? Quale battaglia di potere stiamo mettendo in atto? Chi stiamo ancora cercando di conquistare? Quel padre assente di quando eravamo bambini, quella madre che lavorava troppo?

Non abbiate paura di dialogare con i contenuti della vostra ombra. Vi libererà il cuore.

L’amore non è fatica, non è guerra, non è inseguire chi non ci ama, non è il dramma assoluto tanto caro allo Scorpione, che proprio nella sua evoluzione vero la luce, dovrà imparare a lasciare andare gli intrighi sofferti che padroneggia così bene e di cui sottilmente sa di essere maestro. Venere liberata non ha più bisogno di testare il suo valore tramite il riconoscimento dell’altro, né tramite imprese titaniche. Sapremo amarci per il nostro valore innato sarà lo scrigno dentro di noi che verrà conservato con cura e amorevolezza. Sole e Luna nel segno della Bilancia aprono la possibilità di poter credere di meritare una relazione paritetica, maschile e femminile s’intersecano e fecondano qualcosa d’altro: l’Unità.

Impariamo dunque ad educare la nostra mente a non avere controllo sulle nostre emozioni d’amore tentando di impedirci di provare amore, tanto ci abbiamo provato tutti, la mente non ce la farà a distoglierci da ciò che proviamo, usiamola invece per scegliere con chi vogliamo stare in relazione.

Notate bene che non ho detto che possiamo scegliere chi amare, sarà dura lottare contro il vostro cuore, ma lottate per il vostro bene questo si è possibile, e questo salto comporta molto dolore a volte, ma è un dolore costruttivo di vera crescita e non più distruttivo. Possiamo amare lasciando andare, e lasciare andare chi amiamo perché nocivo per noi è il primo atto di vero amore per noi stessi.

In questo Novilunio e per tutto il ciclo di luna, se ancora riconosciamo nel nostro presente una forma sbagliata d’amore (ricattatorio, colpevole, sacrificale, salvifico, sbilanciato), possiamo iniziare a dire No, anche se so quanto sia difficile e quanto tempo ci voglia a farlo. Questa è la grande bellezza, riprendere contatto con la nostra  Venere – la capacità di scelta. 

Per questo prima bisogna così profondamente sentire ciò che ci fa male ancora, senza lottare con la mente razionale che giustifica e tenta di cambiare ciò che prova, ma per lasciare andare la presa: il perdere, il non farcela a salvare un amore che ci distrugge, è uno dei più grandi archetipi legati allo Scorpione e al mito di Plutone.

Morire per rinascere.

Mi verrà sempre in mente un immagine dei miti antichi e moderni che tutti noi conosciamo, quella dell’amore tra Dracula e Mina. Mina alla fine lascia andare Dracula al suo mondo, per salvarsi lei dovrà tornare al mondo dei vivi, uccidendolo pur amandolo. Chissà perché l’archetipo di Dracula affascina così tanto da sempre…..

 

 

Questo è un Novilunio che s’incarica di portare alla luce quel qualcosa di lontano e sepolto  per poterci amare veramente di nuovo in una nuova nascita, un percorso lunghissimo di cui spesso non basta una vita intera, ma di cui può essere tessitore il cielo nel farci rispecchiare nei suoi simboli. Venere in Scorpione ci aiuta a disotterrare quelle dinamiche emotive che ci fanno cadere nelle ferite perpetuate di rifiuto, impotenza, fragilità in cui ci troviamo immersi ma di cui a volte non riusciamo a fare a meno. E se anche non dovessimo venire a contatto con queste emozioni così potenti, semplicemente esprimiamo il desiderio di rinascere più limpidi e vicini a noi stessi, e di accorgerci quando siamo dentro dinamiche che ci creano dolori tossici e non costruttivi.

 

Luna Nuova in Bilancia come luce di un faro, cristallino, pulito limpido, che può illuminare oltre – La quadratura con Plutone in Capricorno e la presenza di Venere in Scorpione in moto retrogrado, sottolinea la necessità di non temere ciò che la mente non può controllare né capire, ma arrenderci a qualcosa che infine ci trasformerà.

Facciamo un bel respiro profondo, mettiamo la mano sul  nostro petto e proviamo a riniziare tutto da capo, anche se questo costerà lasciare indietro qualcuno che riteniamo fondamentale o qualcosa di importante, o il mutare tutte le sicurezze. Impariamo a rispettare ciò che sentiamo e non tradirci più. Non è più quel tempo, possiamo riscoprire la nostra vera bellezza che c’è sempre stata ed è molto più grande e oltre tutto ciò che “sentiamo” di essere in questo momento.

 

Buon Novilunio a tutti,

Anna Elisa Albanese 

 

Segui la Pagina Facebook Sentiero Astrologico   logo-facebook--blog-alhi-18

Consulti personalizzati sul tuo Tema Natale Consulti individuali 

 

 

Immagine 1: dipinto di Corina Costras

Immagine 2: dal film Dracula di Bram Stoker

Immagine 3: da https://www.pinterest.it/pin/129267451780249208/?lp=true
2 Comments

Post A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.