LUNA NUOVA IN BILANCIA, 19 ottobre 2017: SONO I DESIDERI CHE SALVANO

17 ott LUNA NUOVA IN BILANCIA, 19 ottobre 2017: SONO I DESIDERI CHE SALVANO

8ccd08a434db5ac2a45c982d5ebbfe2e_Fotor

 

di Anna Elisa Albanese

 
Avremo il fenomeno di Luna Nuova il giorno 19 ottobre 2017 alle ore 21.11 italiane, nel segno della Bilancia a 26.35°.

Fenomeno di Luna Nuova in cui raccogliamo dal seme della notte più buia il germoglio della gestazione e dell’inizio del nuovo ciclo mensile lunare. La luna nel Novilunio non visibile per noi, non è illuminata e la notte è la più buia di tutte proprio perché il nostro satellite femminile, si trova tra la Terra e il Sole, posto in ombra. E’ proprio in questa oscurità del cielo, che ci si può mettere in ascolto anche della nostra intimità, prima che la luna cresca e si renda visibile con il suo primo spicchio, fino a giungere alla pienezza della Luna Piena, momento in cui è illuminata totalmente dal Sole.  Fenomeno in cui è possibile portare chiarezza, visione, o risoluzione, rispetto a qualcosa il cui embrione si è formato nel Novilunio. La Luna Nuova, ma già lo sapete, non è eccitante ed ecclatante nella sua manifestazione come con la Luna Piena, in cui spesso arriviamo ad un culmine emotivo, ad una saturazione o esplosione di energie, a volte prendiamo una decisione mossa da improvvisa intuizione o chiarezza, oppure ci sentiamo mossi da una forza più intensa che ci guida. Nella Luna Nuova o Luna Nera, invece è il moto emozionale  che è rivolto dentro e non fuori.

Il buio conserva e ci conduce nella ricerca di verità e aderenza alla nostra Anima.

Quando parlo di verità chiaramente non parlo di verità assoluta, che non esiste, ma della nostra piccola verità, e dell’imparare a riconoscerla nella sua specificità e peculiarità. Solo imparando a fare questo potremo anche rispettare le innumerevoli verità altrui.

Luna Nuova in Bilancia, segno d’aria, governato da Venere, ci mostra il cammino per compiere il matrimonio alchemico tra la polarità maschile e femminile in cui i due luminari Sole e Luna si trovano allineati e sovrapposti. Essi, congiunti nello stesso segno della Bilancia, amplificano il siginificato simbolico del segno, unendo un collante tra il polo attivo – Sole e il polo passivo – Luna, tra volontà e ricettività, passato e futuro, giorno e notte. Un occasione per maturare nel raccoglimento con noi  stessi, l’intento per iniziare a seminare qualcosa di nuovo e nello stesso tempo lasciare andare qualcosa che non c’è più. Quale miglior luna ora, dopo solo qualche giorno dell’entrata di Giove nello Scorpione, per eccellenza il simbolo più complesso di viaggio notturno nelle nostre zone emozionali profonde? 

Nel Tema di Luna Nuova nell’orario italiano delle 21.11, abbiamo due grandi incontri astrologici che vale la pena di sottolineare: l’incontro di Giove in Scorpione congiunto a Mercurio e l’incontro – opposizione della Bilancia (Sole e Luna) con Urano in Ariete.

Nel primo caso, con Giove, avremo un’amplificazione del potere emozionale (Giove) a servizio della mente (Mercurio). Potrebbe essere l’unione dell’istinto investigativo insito in ognuno di noi (che non deve però diventare paranoia o ossessività), congiunto all’accattivante stimolo datogli dalla vicinanza di Sole e Luna in Bilancia, per poter imparare il tempo dal gusto degli equilibri della forma. Una specie di ghiaccio bollente si formerà nel cielo, Bilancia e Scorpione, aria e acqua, potranno miscelarsi permettendoci di andare a verificare nella nostra vita dove tratteniamo emozioni per non perdere la “forma”, o dove invece restiamo intrappolati in qualcosa che risulta apparentemente armonioso, perché non  vediamo cosa si nasconde l’apparenza esterna. Cosa c’è Oltre.

Giove nell0 Scorpione spinge e vedere oltre, e come ho già scritto nell’articolo sul suo ingresso del 10 ottobre 2017, ancora molti pianeti in Bilancia e questo Novilunio nel segno, stimolano la parte di noi che dovrà spingersi nel grattare oltre l’apparenza delle cose, per scoprirne l’essenza, o come dicevo prima, la propria verità, e la propria verità è per forza interconnessa al sentire emozionale. Scoprire la propria verità è anche andare al centro delle incongruenze del nostro vivere. Osservare i nostri rapporti, le nostre insoddisfazioni, le nostre critiche, gli ideali d’amore (Bilancia) e l’amore stesso, fatto di debolezze, paure radicate, schemi reattivi emozionali, carne e sangue (Scorpione).

Vogliamo onestà? Lo siamo per primi? Vogliamo un amore bello pulito e senza paura? Siamo in grado di aprirci e dire all’amato ciò che sentiamo anche quando non è piacevole? Sentiamo che ci trattano con freddezza e distacco? Come mai? CI accorgiamo di cosa mettiamo sul piatto per primi? Sorridiamo? Guardiamo negli occhi gli altri? Sappiamo chiedere un “come stai” e ascoltare la risposta senza pretendere di saperla già o scappando? Sappiamo chiederlo a noi davvero?

 

Giove e Mercurio saranno congiunti ai primi gradi dello Scorpione e molto stretti nella congiunzione al Sole e Luna in Bilancia ed è come un doppio matrimonio alchemico, quello tra le energie Bilancia – Sole e Luna – maschile e femminile e quello tra Mercurio e Giove, pensiero razionale e visione simbolica, raziocinio e credo. Giove potrà permetterci di fidarci delle nostre emozioni e fidandoci potremo anche raccontarle a chi ci sta accanto, accedendo a quella zona magica, rischiosa, temuta, desiderata e bellissima che si chiama intimità.

 

7b87f345ae9a65a8483478f255fd9789

 

L’altro incontro astrologico è quello con Urano, che ci porta direttamente nel calderone dell’Asse Ariete – Bilancia con l’opposizione Sole e Luna Bilancia – Urano in Ariete, un aspetto molto significativo, trattandosi dell’ultima opposizione Lunare con Urano che si sta preparando a lasciare il segno dell’Ariete, dove è rimasto dal 2010, infatti nel Novilunio in Bilancia dell’autunno 2018, avremo Urano che sarà a 1° del Toro. Ora siamo nel moto retrogrado di Urano che raggiungerà i 24°Ariete e dal 3 gennaio 2018 riprenderà il moto diretto fino alla fine del segno. Lascerà il segno dell’Ariete il 15 maggio 2018, entrando a 0° del segno del Toro.                                                (Urano tornerà in moto retrogrado agli ultimi gradi dell’Ariete il 3 novembre 2018 e lascerà definitivamente il segno il 7 marzo 2019 entrando stabilmente in Toro fino a maggio 2026).

Per questo è così importante questa opposizione di Urano nel segno di Fuoco più impulsivo dello Zodiaco, l’Ariete, che sta arrivando alla fine della sua permanenza nel segno, e ci vuole lasciare in dono il suo insegnamento: andare, sempre e comunque, ardere. Rialzarsi dopo ogni caduta e ricominciare con la stessa fiducia rimasta inalterata. Come un guerriero armato di ingenuità, speranza e gusto della sfida, spavalderia, coraggio e slancio.

Urano in questi anni, dal 2010 in cui ha iniziato la sua permanenza nel segno dell’Ariete, ci ha fatto contattare le parti di noi autentiche che scalpitavano per realizzare ciò in cui credevano fermamente. Per essere fedeli alla propria ricerca di verità (Urano), abbiamo sperimentato il prezzo e la gioia nella libertà di scelta e molti di noi sono passati da una sana ribellione, alcuni dirompente, rispetto a ciò che sono i vecchi sistemi di pensiero, tramandati dalle generazioni prima di noi o nelle relazioni non più valide che sono crollate, o i lavori non più consoni al proprio essere. Ribellione che può essere stata rivoluzionaria per molti, che hanno dovuto scrollarsi tutti insieme i limiti e le costrizioni, ma anche più ponderate e ragionate per chi ha seguito la via più saggia, o ha dovuto arrestarsi per blocchi lungo il cammino. Anche la spinta Arietina, ha dovuto imparare questa temperanza e pazienza, e per questo sono apparse le varie configurazioni astrologiche che ci hanno messo a confronto con le crisi esistenziali e con il tempo necessario per cambiare le nostre vite e mutare noi stessi. Attraversando tutte le insidie nascoste durante il percorso e gli incontri evolutivi donatoci delle Grandi Croci Cardinali, soprattutto dell’ultimo anno con i compagni di viaggio Plutone in Capricorno, Giove in Bilancia, abbiamo potuto rafforzare a stemperare la parte primitiva, egoica e infantile che tutti abbiamo quando desideriamo con urgenza.

Ora nell’ultima opposizione di Urano al Sole e Luna in Bilancia, possiamo sintonizzarci sul desiderio e sulle cose rimaste in sospeso e sulla forza propulsiva dell’intento aiutati dal lume della ragione chiara (Bilancia) e meno coinvolta dall’istinto (Ariete), e proprio per questo più capace di essere obbiettiva.

Prima cosa da fare con questo Novilunio, è provare a desiderare.. e non è poco! Ascoltiamo tutte quelle frasi nella testa che cercano di fermarci appena pensiamo la famosa frase “Io vorrei… Io desiderei .” si mettono a dire… “Eh ma no questo no, mica vorrai illuderti? E no quest’altro, ormai sei grande, ormai è troppo tardi.. ora non posso più .. “. Dov’è invece la scintilla che nasce pura e limpida senza nessun preconcetto? Cosa ancora non abbiamo mutato che ci è rimasto lì come tarlo? Approfittiamo della permanenza di Urano in Ariete, per ritrovarla. Concediamoci di vederla, di poter desiderare. Poi a quel punto, dopo, ma solo dopo, potremo far intervenire la mente e la razionalizzazione per testare se si tratta di incoscienza, ingenuità o solo rinuncia preventiva per timore di non farcela, o paura di veder realizzati i nostri desideri e poi non avere più mete da realizzare. L’Ariete senza una meta o una sfida di sente perduto.

Seconda cosa da fare, proviamo ad appuntare nel calendario due verifiche a questo intento desiderante per la nostra esistenza: prima verifica, è la più vicina e si tratta del ciclo lunare aperto adesso il 19 ottobre 2017 fino alla Luna Piena del 4 novembre 2017 nel Toro. Il Plenilunio ci donerà la chiarezza necessaria nel capire se e come portare avanti quando abbiamo scelto e già ci darà delle risposte sul percorso da attuare. Una Luna in Toro, ancora governata da Venere, che conferma il ritrovare l’aderenza ai nostri valori, desideri e principi e le relazioni sane per procedere integri. Anche se ci sembra di aver perduto qualcosa che non ricordiamo, come nelle favole durante il percorso abbiamo chiuso il cuore e ci siamo sentiti traditi e ci siamo a nostra volta traditi, se i sogni ce li hanno portati via o se la vita ha fatto il suo corso e noi con lei li abbiamo scordati, ritroviamoli e teniamoli stretti a noi.

L’altra verifica per la nostra vita e il raggiungimento di quando ci siamo prefissati interiormente, sarà in primavera, nel Novilunio in Ariete del 16 aprile 2018, congiunta a Urano in Ariete, a che punto siamo nel magico aprile che sta risorgendo? Saremo pronti a risorgere con i fiori? Secondo me se fin da ora ci prepariamo a compiere il viaggio verso la nostra bellezza, riconquistare lo scrigno della nostra più pure luce armoniosa, a congiungere e poter illuminare con la stessa amorevolezza gli opposti dentro di noi, il Novilunio in Ariete non ci coglierà impreparati. Staremo camminando fieri accanto a noi stessi tenendoci per meno.

Usiamo dunque e facciamoci dolcemente traghettare e “usare” dalla forza trainante  di questa luna nuova in Bilancia, portatrice di bellezza e armonia e riunificazione della parte volitiva e ardente. Una forza in questo caso carica di intensità su più livelli: l’energie di Giove e Mercurio in Scorpione, e la grande forza dinamica donatoci dall’opposizione di Urano.

Vi lascio augurandovi buon Novilunio di raccoglimento in voi, in qualsiasi modo lo possiate fare, tramite un rito o anche dei minuti che vi dedicate per volervi bene. Riporto qui sotto un pezzo di Baricco che ho messo già in altri miei articoli in passato, ma lo trovo talmente bello e perfetto per questa luna, da rileggerlo con voi.

 

Anna Elisa Albanese

 

Poi non è che la vita vada come tu te la immagini. Fa la sua strada. E tu la tua. E non sono la stessa strada. Così, io non è che volevo essere felice, questo no. Volevo salvarmi, ecco: salvarmi. Ma ho capito tardi da che parte bisognava andare: dalla parte dei desideri. Uno si aspetta che siano altre cose a salvare la gente: il dovere, l’onestà, essere buoni, essere giusti. No.
Sono i desideri che salvano. Sono l’unica cosa vera. Tu stai con loro, e ti salverai. Però troppo tardi l’ho capito. Se le dai tempo, alla vita, lei si rigira in un modo strano, inesorabile: e tu ti accorgi che a quel punto non puoi desiderare qualcosa senza farti del male. È lì che salta tutto, non c’è verso di scappare, più ti agiti più si ingarbuglia la rete, più ti ribelli più ti ferisci. Non se ne esce. Quando era troppo tardi, io ho iniziato a desiderare. Con tutta la forza che avevo. Mi sono fatto tanto di quel male che tu non te lo puoi nemmeno immaginare.

Alessandro Baricco, Oceano Mare

 

100864eaad335a6025cffb1c5364655f

 

Segui la Pagina Facebook Sentiero Astrologico   logo-facebook--blog-alhi-18

Consulti personalizzati sul tuo Tema Natale Consulti individuali 

Non ci sono Commenti

Scrivi un commento