Diario dall’India

In India si dice che l’ora più bella è quella dell’alba, quando la notte aleggia ancora nell’aria e il giorno non è ancora pieno, quando la distinzione fra tenebra e luce non è ancora netta e per qualche momento l’uomo, se vuole, se sa fare attenzione, può intuire che tutto ciò che nella vita gli appare in contrasto, il buio e la luce, il falso e il vero non sono che due aspetti della stessa cosa. Sono diversi, ma non facilmente separabili, sono distinti, ma non sono due. Come un uomo e una donna, che sono sì meravigliosamente differenti, ma che nell’amore diventano Uno.

 

Tiziano Terzani, ‘Un altro giro di giostra’.

 

Link correlati:

Articolo dal sito L’uomo con la valigia, intervista  a Anna Elisa Albanese ‘India, diario di un viaggio di ricerca’.

20151230_102707
QUELLO CHE RESTA

Quello che resta. Il ritorno a casa   Non so nemmeno bene il perchè ti rimanga addosso qualcosa, di cui anche al ritorno a casa, non riesci facilmente a liberarti; un colore, un'atmosfera, una profonda nostalgia, un eco, un riverbero di luce. La prima volta che ho camminato...

Leggi di più
20151231_182142
Camminando in India

Camminando in India In India nessuno è mai solo, piccoli accrocchi di famiglie molto vaste, oppure gruppi di giovani, uomini tra di loro e donne insieme di varie generazioni differenti, nonne, mamme, nipoti. Tutto ha un sapore che sa molto di primordiale, è ancora molto forte...

Leggi di più